Carrello
Wishlist
account
Nuovo
Disponibile Non disponibile

Aprinoci NUT SPLITTER

NUT SPLITTER JHT01 GP

€ 16,00

(spese di spedizione non incluse)

Designer LPWK, Jim Hannon-Tan
Qt.

JHT01 GP

Aprinoci in acciaio inossidabile 18/10 lucido con rivestimento in PVD, Golden Pink.

Larghezza (cm):  3.50
Altezza (cm):  0.50
Lunghezza (cm):  4.00

L'aprinoci "Nut splitter" è un piccolo punteruolo che ricorda nella forma le eliche dei semi dell'acero. Pratico e facile da usare, Nut splitter è realizzato in acciaio inossidabile 18/10 e impreziosito dalla speciale finitura Golden Pink.

La collezione Objets-Bijoux si tinge di rosa. Piccoli e funzionali oggetti d’uso quotidiano, gli Objets-Bijoux sono caratterizzati da una sapiente lavorazione dei metalli. La finitura Golden Pink aggiunge eleganza e unicità a queste ironiche e raffinate invenzioni, ideali come doni da regalare o regalarsi. Selezionate tra gli Objets-Bijoux, diverse tipologie di oggetto sono impreziosite da questa finitura superficiale, brillante e ricercata.

Hai bisogno di qualche sostituzione?

Vedi tutti i pezzi di ricambio
LPWK

The Designer

LPWK

Laura Polinoro, nata Bergamo, si è laureata in arte e comunicazione al DAMS di Bologna. Inizialmente ha lavorato nella danza contemporanea occupandosi di coordinamento artistico, costumi e scenografie. Successivamente ha svolto attività di ricercatrice presso la Domus Academy di Milano. Dal 1990 al ‘98 è responsabile del Centro Studi Alessi, per il quale è stata metaprogettista e art director, coordinando i workshop svolti sia all'interno dell' azienda che in collaborazione con numerose università e centri di design in tutto il mondo e sviluppando numerose attività editoriali e di comunicazione. I prodotti entrati in produzione in questo periodo sono identificati con la sigla “CSA”. Dal 2004 i prodotti da lei coordinati sono identificati con la sigla "LPWK".

Jim Hannon-Tan

The Designer

Jim Hannon-Tan

Nato a Santiago de Compostela, in Spagna nel 1975 e cresciuto in Australia. Jim vive a Milano dal 2001 e ha collaborato con Stefano Giovannoni, Sebastian Bergne, Jozeph Forakis e George J Sowden. Trova ispirazione nelle nuove tecnologie e nelle incomprensioni culturali.