Carrello
Wishlist
account
Disponibile Out of Stock

Cestino a filo rotondo Nuvem

Nuvem PC-AFC10

€ 50,00

(spese di spedizione non incluse)

Designer Fratelli Campana
Misura:
  • Seleziona
    • h cm 9.00 - Ø cm 24.00
    • Ø cm 30.00
Qt.

PC-AFC10

Cestino a filo rotondo in alluminio anodizzato.

Diametro (cm):  30.00
Altezza (cm):  12.00

“Nuvem” in portoghese significa nuvola e allude alla matassa di filo di alluminio, aggrovigliata e poi schiacciata e imbutita, che compone gli oggetti di questa famiglia. Non è stato facile individuare una tecnologia produttiva capace nello stesso tempo di preservare il sapore squisitamente artigianale, manuale e approssimativo di questo concept dei fratelli Campana, ma anche di consentirne la produzione a prezzi ragionevoli. Il risultato è un esempio di ciò che chiamiamo "lightness and consistency", valori che caratterizzano l’opera dei geniali brasiliani.

Hai bisogno di qualche sostituzione?

Vedi tutti i pezzi di ricambio
Fratelli Campana

The Designer

Fratelli Campana

Humberto Campana, avvocato e Fernando Campana, architetto, lavorano assieme a San Paolo dal 1983 nel campo del design artistico. Vengono alla ribalta con l'esposizione di arredi del 1989 dal titolo provocatorio "Gli inconfortabili", destinati a essere, più che oggetti funzionali, manifesti politici. Alla loro visione radicale contribuisce l'uso di materiali poveri e degli scarti industriali. Il fatto a mano rappresenta in un paese povero la possibilità di riscatto sociale. Il loro intento é comunque quello di trovare una via brasiliana al design, evitando la colonizzazione europea. In Italia hanno partecipato alla mostra "Viaggio in Italia" ad Abitare il Tempo di Verona nel 1994 e nel 1995 alla mostra organizzata presso il consolato brasiliano di Milano "Il Brasile fa anche design". Hanno disegnato nel 1997 lampade per O Luce. Compaiono con vari pezzi nell'International Design Year Book del 1997, curato da Philippe Starck. Nel 1998 il Moma di New York ha dedicato loro una mostra "Progetto 66" in abbinata con Ingo Maurer.