Carrello
Wishlist
account
Disponibile Non disponibile

Imbuto Pino

Pino ASG12

€ 19,00

(spese di spedizione non incluse)

Designer Miriam Mirri, Stefano Giovannoni
Qt.

ASG12

Imbuto in resina termoplastica, verde.

Larghezza (cm):  13.00
Altezza (cm):  13.00
Lunghezza (cm):  16.50

Personaggio di fama internazionale, entrato da tempo nei sacri testi della pedagogia e della psicanalisi, il burattino Pinocchio diventa per Stefano Giovannoni e Miriam Mirri il sorridente Pino, imbuto dal lungo naso.

Hai bisogno di qualche sostituzione?

Vedi tutti i pezzi di ricambio
Miriam Mirri

The Designer

Miriam Mirri

È nata a Bologna, vive e lavora a Milano. Dopo la Scuola Superiore di Disegno Anatomico, ha studiato design e comunicazione all'Università del Progetto. Ha collaborato con diversi studi: il Branson-Coates Architecture Office a Londra, l’Università del Progetto srl e con Stefano Giovannoni a Milano. Nel 2000 ha iniziato la sua attività come designer freelance. Ha disegnato oggetti per la tavola, accessori per la cura degli animali, creature notturne e diurne, orologi, complementi e oggetti di arredo collaborando fra le altre con Alessi, MandarinaDuck, Henkel, Seiko, Corian®DuPont, Häagen-Dazs, Bysteel, Meritalia, Bassetti, Gruppo Coin, Euro3Plast, UnitedPets, Whirlpool Europe. Nel 2006 ha vinto con il team di progetto il premio Fritz Henkel Award for Innovation. Ha partecipato a esposizioni nazionali e internazionali, fra le più recenti Triennale Design Museum in varie edizioni; The New Italian Design, Triennale di Milano; D come Design. La mano la mente il cuore. Alcuni suoi lavori sono compresi nell'International Design Yearbook 2005. Ha tenuto workshop di design all’Università del Progetto fino al 2001, alla Domus Academy e ha presentato il suo lavoro in alcune scuole di design.

Stefano Giovannoni

The Designer

Stefano Giovannoni

Nato a La Spezia nel 1954, architetto e designer allievo di Buti all’università di Firenze. Costituisce nei primi anni ’80 il gruppo King-Kong Production insieme a Guido Venturini. Dietro a un physique du rôle che sembra l’opposto di quello di un designer di grido nasconde un talento capace di trasferire nei suoi progetti il complesso sistema dei "codici affettivi" che ha fatto di lui il campione del "Super & Popular" degli anni ‘90. Progettista metanoico per eccellenza, ha l’industrial design nel sangue e una capacità di capire il pubblico come pochi tra i progettisti rappresentati in questo catalogo. I suoi progetti, iniziati con il vassoio “Girotondo” (1989, disegnato con Guido Venturini) e con i primi oggetti ludici in plastica della serie “Family Follows Fiction” (1993), si articolano in una vasta famiglia di oggetti in produzione nei cataloghi “Officina Alessi”, “Alessi” e “A di Alessi”. www.stefanogiovannoni.it