Carrello
Wishlist
account
Disponibile Out of Stock

Orologio da parete La Stanza dello Scirocco

La Stanza dello Scirocco PC-MT19

€ 120,00

(spese di spedizione non incluse)

Designer Mario Trimarchi
Colore:
  • Seleziona
    • acciaio inossidabile 18/10
    • nero
    • bianco
Qt.

PC-MT19

Orologio da parete in acciaio colorato con resina epossidica, bianco.

Larghezza (cm):  33.50
Lunghezza (cm):  46.00

La Stanza dello Scirocco è un luogo magico che si trova nelle vecchie e grandi case di campagna in Sicilia, un luogo dove ci si rifugia aspettando che il vento si plachi. L’architetto siciliano, Mario Trimarchi si è ispirato a questo ricordo d’infanzia per disegnare l’orologio da parete. Le forme irregolari del quadrante esagonale e delle tessere laterali creano vuoti e generano giochi di luce e ombra che aggiungono magia e movimento all’oggetto. Tre le versioni: acciaio inossidabile a finitura lucida, nero e bianco.

Hai bisogno di qualche sostituzione?

Vedi tutti i pezzi di ricambio
Mario Trimarchi

The Designer

Mario Trimarchi

Mario Trimarchi, siciliano di nascita, vive e lavora a Milano dal 1983. Architetto della generazione “a mano libera”, si è sempre mosso liberamente all’interno dell’universo visivo considerando disegno, fotografia, progetto, immagine, come parti di uno stesso territorio di indagine. Già direttore del master in design alla Domus Academy nei primi anni novanta, e parte dell’Olivetti Design Studio con Michele De Lucchi, nel 1999 fonda FRAGILE, il suo studio di corporate identity care. Con Fragile disegna sistemi di identità, immagine coordinata e gli alfabeti visivi con i quali raccontare le diverse individualità. Ha progettato il marchio di Poste Italiane e tanti altri marchi, la grafica di grandi esposizioni e sistemi di comunicazione per aziende del design italiano, allestimenti e interni. Non ha mai rinunciato né a disegnare, né a fare architettura e design. In questo momento è molto interessato al tema delle geometrie instabili, che disegna con l’intenzione di spostare leggermente gli abituali equilibri della nostra comune relazione con gli oggetti.